martedì 28 agosto 2012

Cuore di mamma.

La settimana scorsa stavo bighellonando in un negozio di vestiti e mi è capitato di ascoltare un breve scambio di battute tra una cliente ed una commessa. Mi scuso fin d'ora per i miei strafalcioni nella trascrizione dal triestino parlato ed invito chiunque possa fornirne una versione più corretta a farmelo sapere.

Le due donne, entrambe sulla cinquantina, hanno intessuto il loro dialogo attraverso l'intero negozio e quando sono giunte abbastanza vicine perché potessi udire la commessa stava dicendo: "Se gà sposà 'sto fio o no?La cliente ha sospirato e socchiuso gli occhi in un'espressione sconsolata, non c'è stato bisogno che aggiungesse altro. Unitasi al cordoglio della madre con figlio zitello la commessa ha cercato uno spiraglio d'ottimismo. "Nol gà neanche una morosa?".

L'espressione sconsolata sul volto della madre si è fatta più intensa e complessa con l'arrivo di una strana mescolanza tra titubanza e trepidazione. Ha ripetuto il sospiro e rilanciato con un cenno di negazione ma era evidente che ci fosse qualche cosa di più, qualche pensiero a cui intendeva dare sfogo senza però essere ancora certa di volerlo fare. Le prime parole sono state liberatorie come il fischio di una cuccuma sul fuoco. "El gà un caratere che ..." Si è fermata, l'incertezza stava per vincere la battaglia, ma ormai il sasso era stato lanciato e non poteva più nascondere la mano. Un bel respiro per farsi coraggio e: "... che no ghe auguro a nissuna donna!" Dar sfogo a quel pensiero dev'essere stato veramente liberatorio perché sul finire è riuscita ad arrivare ad una chiara nota d'ironia e l'ha accompagnata con un sorrisetto da bimbetta lieta della propria marachella.

Cuore di mamma, sempre lieta di poter parlare del suo bambino e restia a spennellarlo di cacca ... ma quando ci vuole, ci vuole.

Stay Tuned

2 commenti:

Alessandro Madeddu ha detto...

Per un attimo, a metà del racconto, ho pensato: "Non dirmi che il figlio è gaio e non sa come dirlo alla commessa!" E già me la ridevo... :D E invece no: il figlio è stronzo! E me la rido anche per questo!

Tales Teller ha detto...

Hahahaha!
Questo dubbio non mi ha mai sfiorato ma devo dire che è un punto di vista molto interessante ed alla fin fine anche abbastanza realistico. ^_*